mappa

Il sito > mappa

Mappa del sito


La costruzione di mappe di navigazione per i siti è sicuramente un gesto obsoleto che non risponde più ad alcun bisogno di chi usa il WEB. L'idea stessa di un sito concepito come un portale è superata dalle reali modalità di fruizione della Rete.
Questo sito tuttavia eredita la struttura del precedente Labcity.it, nato proprio da quell'idea obsoleta e fallimentare di
coniugare le logiche del web  con le architetture del mondo del libro con i suoi indici e prefazioni e capitoli di cui, nel mondo del web, solo una mappa può dare conto. 

Le sezioni del nuovo labcity.eu sono meno didascaliche rispetto al modello iniziale che ricalcava l'idea di ipertesto letterario proposta da Claude Cazalé Berard e rivisitata da Alberto Cadioli nel suo Il critico navigante.
Il sito si ispira anche all'idea, espressa da Baricco ne I Barbari, di libro come nodo passante di traiettorie che nascono e proseguono altrove, e pertanto è strutturato con maggiore attenzione ai percorsi che, oltre ad intrecciarsi dentro il testo, provengono da contesti e suggestioni che trovano echi nel testo, e ai percorsi che partono dal testo e proseguono in contesti differenti dal libro.

Il sito

La sezione contiene le coordinate per muoversi all'interno di questo lavoro come un insieme coerente di pagine correlate: un saggio "barbaro" su City.

City

La sezione riguarda il libro nel suo insieme di testo e paratesto, ma anche nella sua storia editoriale, in Italia e all'Estero.

Percorsi

La sezione riguarda analisi interne al testo e propone una lettura di City con un approccio "architettonico", a un libro costruito come una città, nei suoi quartieri/storie e personaggi/strade.

Dintorni

La sezione riguarda la storia di City fuori dal libro, in mondi ad esso contigui, come il sito della Rizzoli, che ha curato il lancio e accolto gli eventi legati in qualche a modo a City fino al 2005,  ma anche in mondi più distanti, come in Lezione Ventuno, dove trova posto uno personaggi di City.

La sezione tratta anche della ricezione di City tra il pubblico, nella critica, sulla stampa e nella saggistica.

Panorami

La sezione riguarda i contesti nei quale si inserisce City, sia in termini di panorama culturale del periodo, sia nell'ambito  delle opere di Baricco.

Il sito


A maggio del 2009, a dieci anni esatti dall'uscita di City in libreria, labcity.it è stato segnalato ai motori di ricerca e da allora ha cominciato lentamente a risalire negli indici fino a ritrovarsi in prima pagina tra i risultati delle ricerche effettuate con la chiave “city baricco”. 

Dopo una lunga pausa nei lavori, l'applicazione utilizzata per l'aggiornamento del sito era diventata obsoleta e non più gestibile rendendo impossibile lo snellimento del sito progettato.  

A settembre 2015 labcity.it è stato chiuso. Il nuovo sito www.labcity.eu è il risultato di una ristrutturazione che ne ha modificato la configurazione e, in parte, gli intenti.

Mappa

City


City esce in libreria il 5 maggio 1999, dopo più di tre anni dalla pubblicazione del precedente romanzo di Baricco, Seta, ed è il primo libro italiano il cui lancio pubblicitario è affidato al web per mezzo del sito abcity.it allestito dalla Rizzoli nell’aprile del 1999.

A partire dalla traduzione in francese di Françoise Brun dell’aprile 2000, City comincia la sua storia nel mondo.

Percorsi


Questo libro è costruito come una città. 

Le storie sono quartieri. 

I personaggi sono strade. 

Il resto è tempo che passa,

Voglia di vagabondare

E bisogno di guardare.

 
Architetture
Storie
Personaggi
Tempo
Luoghi
Patchwork
Ritagli di testo
Le dissertazioni dei professori
Le conversazioni telefoniche
I dialoghi
Le storie di Shatzy
Ruth racconta Shatzy
O Guardi o giochi
Diesel e Poomerang
Il western di Shatzy
La boxe di Larry Lawyer
Ballon Mac
Fili di collegamento

Il colore giallo

Il numero 22

La palla
Case
 
 
 
 
 
 
 
 

Dintorni


 

City esce in libreria il 5 maggio del 1999 e già dal 29 aprile è attivo il sito allestito da Rizzoli per il lancio dove è disponibile il prologo del libro e un forum per i commenti dei lettori intitolato La City dei lettori.  Nel corso dell'estate '99 è inserita una pagina relativa alla musica del western. Man mano che vengono pubblicate le prime traduzioni, il sito ospita le relative sezioni.

Durante il periodo in cui è in linea il sito, sono organizzati tre incontri con i lettori in forma di chat.

 
Le sezioni di abcity.it
 
 

Già dal 29 aprile 1999, prima dell'uscita di City in libreria, è attivo il sito allestito per il lancio dove è disponibile il prologo del libro e un forum per i commenti dei lettori intitolato La City dei lettori.

Selezioni tematiche di messaggi
 
 
 
 

Dopo i successi di Novecento, Alessandro Baricco dà alle stampe un nuovo romanzo: il suo titolo sarà City, ed uscirà ai primi di maggio con la Rizzoli.

Repubblica — 19 marzo 1999   pagina 51   sezione: CULTURA

 

È costruito in un modo complesso, ma tutto ti fa pensare che funzioni bene. Per cui diciamo che forse è la cosa più difficile che abbia scritto in vita mia e penso di averla scritta bene, molto bene.

Dall’intervista a Rolling Stone del 30 novembre 2007

 

Sin dai primi giorni dopo l’uscita in libreria (5 maggio 1999), City si colloca ai vertici delle classifiche dei libri più venduti pubblicate dai principali quotidiani.

Tuttavia, City è il romanzo che segna il principio di una svolta nel rapporto tra una parte del pubblico e la scrittura di Baricco. 

 
 
 
 
 
 

Il City Reading Project è uno spettacolo teatrale, in scena al Teatro Valle di Roma  dal 14 al 24 Novembre 2002, articolato in tre serate dedicate a tre momenti narrativi: Tre storie western, Il lascito testamentario del Prof. Mondrian Kilroy, Ring. La voce di Baricco viene affiancata da numerose partecipazioni e dal  contributo musicale di Giovanni Sollima e del gruppo degli Air.

 

Panorami


Sul confine delle terre dei barbari
Coordinate di City
 
Brani dai Barnum
Dialogue con Anne Dufourmantelle
Baricco e Doninelli a L'officina del racconto 2000 
Brani dai romanzi 
 
Autobiografia involontaria di Alessandro Baricco

Chi scrive